Sistema di garanzia della qualità

Soddisfiamo i requisiti etici e qualitativi (rilevanza, professionalità, indipendenza, varietà e accessibilità) espressi dalla Concessione e dalla Carta dell'offerta SSR, attraverso l’adozione di un sistema di garanzia della qualità, un processo circolare e permanente che si articola attorno a quattro tappe fondamentali.

Norme qualitative

Si parla spesso della qualità e dell’importanza che essa riveste. Ma che cos’è la qualità riferita ai prodotti editoriali della SSR? La Concessione impone alla SSR cinque norme qualitative fondamentali.

Rilevanza significa privilegiare, nella scelta dei temi e dei punti di vista, l’interesse generale rispetto a quello di gruppi particolari. La rilevanza di un tema poggia inoltre sulla sua attualità, sulla sua importanza politica, economica, culturale e sociale e sulla prossimità spaziale o culturale alla quotidianità del pubblico.

Professionalità significa trattare i temi rispettando le regole deontologiche in uso. Ad esempio, nell’insieme dell’offerta tutti i fatti più importanti e i punti di vista disponibili devono essere presi in considerazione e presentati correttamente e in modo equilibrato, affinché il pubblico possa formarsi un’opinione sui diversi temi. I professionisti dei media conoscono i vincoli legali e rispettano le norme etiche e i principi giornalistici, anche quando il tempo stringe. La formazione è la chiave della professionalità.

Indipendenza significa che i professionisti dei media scelgono i loro temi liberamente senza lasciarsi influenzare dagli interessi dello Stato, della politica, dell’economia o della società in generale. Conducono ricerche di propria iniziativa, e riportano i fatti senza venire influenzati da interessi personali: in caso di conflitto d’interesse ci si astiene dal trattare il tema.

Varietà significa rivolgersi e dar voce alle diverse componenti della popolazione svizzera del 21° secolo, appartenenti a classi d’età, generi, livelli di istruzione, contesti socioeconomici e gruppi etnici differenti. L’offerta è costituita da un gran numero di tipologie e formati diversi e riflette un ampio spettro di opinioni. 

La SSR assicura che la sua offerta sia presente sulle piattaforme più utilizzate dal suo pubblico. Tutta la popolazione e tutti i membri della società devono potervi accedere senza ostacoli. L’insieme dell’offerta copre le quattro lingue ufficiali svizzere. I programmi e le produzioni della SSR sono presentati in modo chiaro e comprensibile e gli archivi sono accessibili al pubblico.

Sistema di garanzia della qualità

Ogni tappa prevede delle condizioni quadro e dei principi orientativi di base elaborati in modo unitario per tutta la SRG SSR.

RSI, RTR, RTS, SRF e SWI, attraverso l’istituzione di un coordinamento centralizzato, applicano e sorvegliano l’aderenza a questi principi tenendo conto delle specificità delle singole unità aziendali e le integrano eventualmente con direttive aggiuntive.

I responsabili della qualità delle unità aziendali si incontrano regolarmente nel Gruppo di esperti nazionale per lo scambio di esperienze e conoscenze sulla gestione delle norme qualitative. Il Gruppo di esperti si occupa pure di perfezionare continuamente il processo di garanzia della qualità e di allineare le norme ai risultati riconosciuti dalle scienze della comunicazione e alle migliori prassi nazionali ed estere.

Il sistema di garanzia della qualità dell’offerta SSR è periodicamente verificato da esperti esterni. Il pubblico è informato sui principali risultati ottenuti.

  • Il contesto e i principi di base che regolano ogni attività SSR e ne plasmano l’offerta sono definiti nella Legge Radio TV (LRTV), nella Concessione SSR, nella strategia di impresa e dell’offerta SSR e nella Carta dell'offerta SSR. Questi documenti sono puntualmente aggiornati, pubblicati su Internet e Intranet, e continuamente ribaditi all’interno delle unità aziendali.
  • RSI, RTR, RTS, SRF e SWI integrano i documenti di riferimento con eventuali direttive aggiuntive e regole pratiche. Questi documenti sono puntualmente aggiornati e pubblicati su Internet e Intranet. I nuovi assunti prendono conoscenza delle norme qualitative e del sistema qualitativo attraverso una formazione di base. Per i praticanti sono previsti percorsi formativi adeguati.
  • Ogni offerta strutturale è descritta all’interno di un mandato di programma/prodotto che ne definisce il genere, l’ambito tematico, le linee editoriali e gli ingredienti. Il mandato fissa pure obiettivi di performance quantitativi o di altra natura. I mandati sono aggiornati regolarmente e sono vincolanti per le redazioni.

La conformità dell’offerta a norme e obiettivi, così come la verifica di eventuali sollecitazioni esterne sono garantite da sistemi di controllo regolari o puntuali specifici per ogni livello:

  • Le redazioni sottostanno alle procedure di verifica pre e post diffusione/pubblicazione stabilite per ciascuna unità aziendale. Le procedure sono aggiornate regolarmente.
  • I dipartimenti verificano, mediante controlli regolari e puntuali, l’offerta che rientra nella loro area di responsabilità.
  • Le unità aziendali sorvegliano l’offerta mediante verifiche regolari e puntuali nei gruppi preposti. Realizzano annualmente anche una verifica qualitativa istituzionale di una parte dell’offerta.

I risultati emersi dai controlli sono opportunamente comunicati alle collaboratrici e ai collaboratori coinvolti o all’esterno tramite:

  • Redazioni: incontri regolari e pianificati. La stesura di verbali e la loro condivisione con tutti i collaboratori coinvolti sono garantite solo per le redazioni di ampie dimensioni. È data adeguata risposta in forma scritta alle sollecitazioni provenienti dall’esterno.
  • Dipartimenti: incontri regolari e pianificati. La stesura di verbali e la condivisione con tutti i collaboratori coinvolti sono garantite. È data adeguata risposta in forma scritta alle sollecitazioni provenienti dall’esterno.
  • Direzione: incontri regolari e pianificati. La stesura di verbali e la conseguente condivisione con tutti i collaboratori coinvolti sono garantite. È data adeguata risposta in forma scritta alle sollecitazioni provenienti dall’esterno. La verifica qualitativa istituzionale contempla incontri di restituzione dei risultati alle redazioni coinvolte. Sui principali risultati è informato pure il pubblico mediante i resoconti sulla Qualità pubblicati all’interno del Rapporto di gestione SRG SSR.

In risposta ai risultati dei diversi controlli qualitativi, sono introdotti degli adeguamenti negli ambiti interessati.

  • Norme e obiettivi: i documenti di base (direttive interne e mandati di programma/prodotto) e i relativi obiettivi sono rivisti in conformità alle correzioni decise a tutti i livelli.
  • Formazione individuali: misure formative o obiettivi per il singolo collaboratore sono esplicitati annualmente nel formulario che accompagna il colloquio di valutazione. Il colloquio di valutazione è un colloquio annuale che si svolge tra collaboratore e responsabile diretto, la cui procedura è standardizzata a livello nazionale.
  • Formazioni collettive: misure formative collettive per redazioni, dipartimenti o unità aziendali, sono concertate ad hoc con i settori preposti (formazione, tecnica, …) e inserite in progetti puntuali. Il pubblico è informato delle misure prese in ambito formativo mediante i resoconti sulla Qualità pubblicati all’interno del Rapporto di gestione SRG SSR.
  • Adeguamenti dell’offerta: a seguito dei risultati della verifica qualitativa istituzionale o di altre verifiche, l’offerta è opportunamente adeguata. Sui principali adeguamenti introdotti in risposta ai risultati emersi dalla verifica qualitativa istituzionale è informato pure il pubblico mediante i resoconti sulla Qualità pubblicati all’interno del Rapporto di gestione SRG SSR.

Garanzia della qualità nelle unità aziendali

L’attività delle unità aziendali legata alla produzione e alla diffusione dei programmi si fonda sui seguenti pilastri: la Concessione, la Carta dell'offerta SSR, il sistema di garanzia della qualità della SSR nonché le direttive editoriali proprie delle unità aziendali.

RSI

La qualità non è una variabile soggettiva, ma può essere misurata con parametri unitari e chiaramente definiti. Alla RSI, la gestione della qualità è di competenza di un ufficio specifico, che assicura un monitoraggio costante dell’offerta. La pagina «Qualità» sul sito rsi.ch offre una panoramica dei principi guida e delle direttive applicabili all’interno della RSI e illustra il sistema di garanzia della qualità in uso in questa unità aziendale.

Qualità RSI

Le direttive editoriali della RSI integrano i principi contenuti nella Carta dell'offerta SSR con regole pratiche. L’ampio catalogo di norme, vincolanti per tutte le redazioni della RSI, contribuisce al rispetto degli standard di qualità editoriali nonché del diritto e dell’etica dei media.

Direttive editoriali RSI (PDF) 

RTR

Per garantire la conformità dei programmi e dei contenuti della RTR alle norme qualitative prescritte dalla Concessione SSR, è necessario un costante controllo dei prodotti. Lo statuto per la gestione della qualità è uno degli strumenti di controllo.

Statuto per la gestione della qualità presso la RTR (PDF)

La Concessione SSR prevede cinque dimensioni qualitative sovraordinate. Oltre a questi standard nazionali, la RTR si attiene ai criteri qualitativi e alle direttive editoriali della SRF.

Direttive editoriali RTR

RTS

La RTS ha definito alcuni processi per garantire la qualità giornalistica.

Processi qualitativi alla RTS (PDF)

Le direttive editoriali della RTS inquadrano le attività giornalistiche alla radio, alla televisione e online. Per tutte le offerte della RTS valgono pertanto le stesse regole, indipendentemente dal mezzo di comunicazione utilizzato.

Direttive editoriali RTS (PDF)

SRF

Il capitolo «Qualität» su srf.ch offre una panoramica dei principali parametri e direttive cui si orienta la SRF e illustra il sistema di gestione della qualità presso questa unità aziendale.

Qualità presso la SRF

Le direttive editoriali della SRF integrano i principi contenuti nella Carta dell'offerta SSR con regole pratiche. L’ampio catalogo di norme, vincolanti per tutte le redazioni della SRF, contribuisce al rispetto degli standard di qualità editoriali nonché del diritto e dell’etica dei media.

Direttive editoriali SRF (PDF)

SWI

Per garantire la conformità dei programmi e dei contenuti di SWI alle norme qualitative prescritte dalla Concessione SSR, è necessario un costante controllo dei prodotti. Lo statuto per la gestione della qualità è uno degli strumenti di controllo.

Gestione della qualità presso SWI (PDF)

La Concessione SSR prevede cinque dimensioni qualitative sovraordinate. Oltre a questi standard nazionali, SWI si attiene ai criteri qualitativi e alle direttive editoriali della SRF.

Direttive editoriali SWI