SRG SSR

  • DE
  • FR
  • IT
  • RM
  • EN
Concluse con successo le trattative per il nuovo Contratto collettivo di lavoro della SRG SSR

Comunicato stampa

22.09.2012

Concluse con successo le trattative per il nuovo Contratto collettivo di lavoro della SRG SSR

Dopo sette tornate di negoziati la SSR e il Sindacato svizzero dei mass media (SSM) sono giunti a un accordo per il nuovo Contratto collettivo di lavoro 2013. Il nuovo CCL entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, per quattro anni.

Il CCL 2013 prevede diversi miglioramenti, in particolare la semplificazione e l’unificazione di certe disposizioni. Le delegazioni delle due parti sociali sono riuscite a elaborare soluzioni consensuali su svariati argomenti. La SSR non è riuscita a centrare pienamente l’obiettivo prefissato, cioè semplificare il CCL e conseguire risparmi moderati, ma con il risultato odierno rimane un buon datore di lavoro, dalle condizioni interessanti.

Il Contratto collettivo di lavoro della SSR riguarda i circa 5000 dipendenti della Radiotelevisione svizzera (RSI), di Schweizer Radio und Fernsehen (SRF), Radio Télévision Suisse (RTS), Radiotelevisiun Svizra Rumantscha (RTR), di Swissinfo e della Direzione generale.

Per la SSR il nuovo CCL può entrare in vigore il 1 gennaio 2013. Per l’SSM, il nuovo CCL deve ricevere – com’è consuetudine – l’approvazione della sua Conferenza professionale e superare la votazione tra i soci stessi.

 

Comunicazione aziendale SSR
Daniel Steiner, portavoce, tel. 079 827 00 66

 

RSIRTRRTSSRFSWI