SRG SSR

  • DE
  • FR
  • IT
  • RM
  • EN
La Corte europea per i diritti umani dà ragione a «Temps présent»

Comunicato stampa

17.09.2006

La Corte europea per i diritti umani dà ragione a «Temps présent»

La condanna pronunciata nel 1999 dall’Autorità indipendente di ricorso in materia radiotelevisiva (AIRR) contro la puntata di Temps présent «L’honneur perdu de la Suisse» a cura del giornalista Daniel Monnat, poi confermata dal Tribunale federale, è stata dichiarata contraria alla Convenzione Europea per la salvaguardia dei diritti dell’uomo e delle libertà fondamentali (CEDU).

Nel marzo 1997 la TSR aveva prodotto e trasmesso un servizio di Daniel Monnat dedicato alla storia della Svizzera durante la Seconda guerra mondiale, in particolare alle relazioni tra Svizzera e Germania. Dopo la messa in onda, l’inchiesta intitolata «L’Honneur perdu de la Suisse» aveva provocato veementi reazioni. In seguito al reclamo di un gruppo di telespettatori, nel 1999 il programma era stato condannato prima dall’AIRR e poi dal Tribunale federale, nonostante due ricorsi inoltrati dalla SRG SSR idée suisse.

Secondo la Corte europea per i diritti umani, interpellata da Daniel Monnat, quella condanna è contraria alla Convenzione. La Corte, infatti, ritiene che: il servizio poggia incontestabilmente su ricerche storiche serie; l’autore non è venuto meno al suo dovere di correttezza e buona fede e ha rispettato la deontologia giornalistica.

La Direzione generale della SRG SSR idée suisse e la Direzione della TSR si congratulano per la sentenza della Corte europea, la quale precisa che «contestualmente al dibattito su un argomento di alta rilevanza, con una sanzione di tale portata (ndr: la condanna dell’AIRR confermata dal Tribunale federale) si rischia di dissuadere i giornalisti dal contribuire al dibattito pubbico sulle vicende che riguardano la vita della collettività. Per sua natura, anzi, essa ostacola i mass media nell’adempimento del loro mandato d’informazione e di controllo».

Le considerazioni della Corte europea per i diritti umani sul servizio speciale di «Temps présent» a cura di Daniel Monnat, oggi capo-redattore dei magazine d’informazione della TSR, saranno comunicate ai responsabili dei programmi d’informazione della SRG SSR idée suisse. La TSR porrà fine all’embargo giuridico sulla trasmissione.

Per informazioni:

  • Daniel Monnat, capo-redattore dei magazine d’informazione della TSR, 079 217 24 59
  • Gilles Marchand, Direttore della TSR, 079 232 40 31

Servizio stampa TSR e SRG SSR idée suisse

RSIRTRRTSSRFSWI