SRG SSR

  • DE
  • FR
  • IT
  • RM
  • EN
Chiusura positiva dell’esercizio 1996 per la SSR

Comunicato stampa

27.03.1997

Chiusura positiva dell’esercizio 1996 per la SSR

La Società svizzera di radiotelevisione (SSR) chiude l'esercizio 1996 con un lieve incremento dei costi rispetto al 1995 (+3,4%, per un totale di 1116 milioni di franchi). I proventi salgono a quota 1170 milioni, ossia - in presenza di un gettito invariato delle tasse di ricezione - dello 0,7% soltanto. Costi e proventi straordinari a parte (con un deficit di spesa di 34 milioni), il risultato annuo fa stato di un'eccedenza di 20 milioni di franchi (49 nel 1995). Un esito positivo che consolida ulteriormente la situazione finanziaria della SSR, tale da permettere ulteriori accantonamenti a copertura del disavanzo della SSR presso la Cassa pensioni della Confederazione (CPC). Il cash-flow ammonta a 80,6 milioni (1995: 141,7 milioni).

Il 53,8% dei costi d'esercizio è assorbito dai costi di personale (1995: 55%), che con un ammontare globale di 600 milioni sono in lieve aumento rispetto al 1995 (+6,7%).

La causa va ricercata alla voce stipendi, ossia all'esborso di un'indennità di rincaro una tantum di 6,5 milioni stabilita per via legale e di altri versamenti unici dovuti al passaggio al nuovo sistema retributivo.

In rapporto ai costi globali, i costi di produzione e programma si elevano al 30,9% (30,2% nel 1995). Rispetto all'anno precedente questi costi ammontano a 344 milioni (+6%), uno scostamento sostanzialmente imputabile alle spese sostenute per le grandi manifestazioni sportive internazionali (Campionati europei di calcio, Olimpiadi e Mondiali di sci). I costi di collegamento - diminuite le tariffe - sono calati di 3 milioni (-9,5%) per assestarsi a quota 29 milioni.

La quota degli altri costi in rapporto ai costi globali è dell'11% (10,2% nel 1995), con un aumento dell'11% per un totale di 123 milioni, principalmente dovuto a costi di manutenzione e servizi eseguiti da terzi. Gli ammortamenti non variano di molto rispetto all'anno precedente (43 milioni contro 42 nel '95). Stabili infine i costi finanziari con 5,5 milioni.

Alla voce proventi, il 69,6% (1995: 69,5%) è riconducibile alle tasse di ricezione, salite leggermente a quota 815 milioni (+0,8%). La quota degli introiti pubblicitari ha invece conosciuto un lieve calo (21,6% contro 22,5% nel 1995): un decremento del 3,5%, per un totale di 253 milioni, imputabile alla congiuntura sfavorevole. Sono per contro aumentati i proventi della sponsorizzazione (2,5%) che con 7 milioni in più si collocano a 29 milioni. Questa impennata del 30% si spiega sia con i favori che ha riscontrato lo strumento della sponsorizzazione durante l'anno in esame, fitto di avvenimenti sportivi, sia con gli sforzi fatti per accrescere il portafoglio di sponsor.

Il risultato d'esercizio è di 54,5 milioni (83,3 milioni nel 1995).

Come nel 1995, anche nel 1996 i costi e proventi straordinari registrano un'eccedenza di spesa di 34 milioni. Lo si spiega con un ulteriore accantonamento di 40 milioni a copertura del disavanzo della SSR presso la Cassa pensioni della Confederazione (CPC) e con proventi straordinari di 9 milioni circa.

Il Consiglio centrale della SSR sarà chiamato ad approvare l'esercizio 1996 il 24.06.1997; seguiranno allora ulteriori informazioni.

RSIRTRRTSSRFSWI