SRG SSR

La SSR dal 1931 ad oggi

La SSR dal 1931 ad oggi

Primo tavolo di montaggio a Losanna (dal 1922 al 1923). Foto: GD ZAR

Nel 1922 entra in funzione a Losanna la terza emittente pubblica di radiodiffusione in Europa. Negli anni '20 nascono società radiofoniche in tutto il paese. Nel 1923 vengono rilasciate 980 «autorizzazioni di ricezione» per la radio, che fino al 1926 si potrà ascoltare soltanto con l'auricolare.

blank 20

Nel 1930 vengono adottate importanti decisioni di politica radiofonica nazionale. La radio dovrà organizzarsi secondo una struttura federalista ed essere indipendente dal mercato.

Fondazione della SRG SSR (1931) al casinò di Berna. Da sinistra: Arnold Rothenberger, Hermann Gwalter, Maurice Rambert, Charles Baud, Hans Zickendraht, Hans Lauterburg, Roger Olivet, Francesco Borella, Alois Muri, Max Ritter. Foto: J. Keller
Gründung der SRG SSR (1931) im Casino in Bern.

Nel 1931 viene fondata la Società svizzera di radiodiffusione (SSR) che da quel momento comprenderà tutte le organizzazioni regionali. Maurice Rambert è il primo direttore generale. La «centrale» della SSR ha ancora pochi poteri, predominano le società membro.

Il Consiglio federale attribuisce alla SSR la concessione in esclusiva per trasmettere programmi radiofonici in Svizzera. La SSR può utilizzare unicamente i dispacci diramati dall'Agenzia telegrafica svizzera (ATS). Gli abbonati salgono a 150 000.

Maurice Rambert, primo direttore generale della SRG SSR (fino al 1936). Foto: K. Egli

Nei primi anni '30 entrano in funzione i trasmettitori nazionali in tedesco, italiano e francese: Sottens nel marzo 1931, Beromünster nel maggio 1931 e Monte Ceneri nell'ottobre 1933.

Alfred W. Glogg, direttore generale SRG SSR fino al 1950.

Nel 1936 Alfred W. Glogg diventa direttore generale della SSR.

blank 20

Nel 1937 entra in vigore la nuova concessione della SSR. La prima riorganizzazione conferisce alla SSR un assetto più centralistico.

blank 20

Nel 1939 all'Esposizione nazionale, il Politecnico di Zurigo presenta per la prima volta in Svizzera la tecnica televisiva. La SSR ingaggia una troupe teatrale ripresa da una telecamera e «trasmessa» sullo schermo di un televisore.

Studio radiofonico di Berna, guardia militare durante la Seconda guerra mondiale, 1940. Foto: GD ZAR

1939 - 1945 Durante la Seconda guerra mondiale, la Radio Svizzera riveste un'importante funzione politica. Con i suoi programmi la SSR sostiene la cosidetta «difesa spirituale», presentando la Svizzera come una «Willensnation» formata da tante culture. I suoi servizi in onde corte sulla situazione politica e militare sono ascoltati in Svizzera e nel mondo intero, il pubblico dimostra di apprezzare questa «voce neutrale». Gli abbonati della radio sono 590 000.

A partire dal 1943 i programmi in romancio vanno in onda regolarmente sempre il primo venerdì del mese.

Macchina della Radio Suisse Romande all'inizio del Tour de Suisse, 1939. Foto: GD ZAR

Nel 1949 si raggiunge il traguardo di un milione di abbonati radio in Svizzera.

Marcel Bezençon, direttore generale SRG SSR fino al 1972. Foto: Yvan Dalain

Nel 1950 Marcel Bezençon diventa direttore generale SSR.

Un'ascoltatrice con una radiolina a transistor, 1951. Foto: Fox Photos

Negli anni '50 si afferma progressivamente la radio a transistor: l'ascolto radiofonico diventa un momento della giornata, senza limiti spaziali. Si assiste a una moltiplicazione di programmi svizzeri e stranieri. La SSR lancia la seconda rete radiofonica. Le stazioni sperimentali di Losanna, Basilea e Zurigo sanciscono l'inizio dell'era televisiva anche in Svizzera.

blank 20

Nel 1952 la SSR rileva dalle PTT il servizio dei programmi della Filodiffusione.

Cronaca sportiva negli anni Cinquanta. Foto: GD ZAR

Nel 1953 la SSR inaugura il primo servizio sperimentale di televisione: per cinque sere alla settimana lo studio Bellerive di Zurigo manda in onda un programma di un'ora. 1,2 milioni di abbonati radio e 920 abbonati TV.

Logo dell'Eurovisione. Foto: Unione europea di radiotelevisione

Nel 1954 otto enti televisivi, con il contributo determinante della SSR, fondano l'Eurovisione, l'organizzazione che promuove lo scambio internazionale di programmi.

blank 20

Nel 1957 il Consiglio federale rilascia alla SSR una concessione televisiva in vigore dal 1° gennaio 1958.

Preparazione delle telecamere per la telecronaca della Festa dei Narcisi a Montreux (prima diffusione in Eurovisione) nel 1954.

Nel 1958 nella Svizzera tedesca e romanda ha inizio il regolare servizio televisivo nelle due rispettive lingue. I segnali vengono inviati da Zurigo e Ginevra – con commenti in italiano – sui trasmettitori in Ticino. 1,3 milioni di abbonati radio e 50 000 abbonati TV.

blank 20

Nel 1960 «Società svizzera di radiodiffusione» diventa «Società svizzera di radiotelevisione». La sigla SSR rimane invariata.

blank 20

Nel 1961 il Ticino si dota di uno studio televisivo provvisorio.

Studio televisivo prima del 1965.

Nel 1963 va in onda la prima trasmissione televisiva in romancio.

Riprese TV della discesa del Lauberhorn, 1964. Foto: GD ZAR

Nel 1964 il Consiglio federale rilascia alla SSR una nuova concessione, che per la prima volta comprende sia la radio che la televisione. La SSR si riorganizza e adegua il proprio Statuto.

Il Consiglio federale autorizza la pubblicità alla televisione. Il primo spot va in onda il 1° febbraio 1965. Prezzo al minuto: 6000 franchi. Viene fondata la «SA per la pubblicità alla televisione».

Regia audio/video al centro TV di Palazzo federale.

Nel 1965 si inaugura lo studio radio-tv di Palazzo federale.

Il fascino di radio e televisori. Foto: GD ZAR

Nel 1966 a Coira viene allestito un ufficio autonomo per i programmi in romancio, trasmessi dalla Schweizer Radio DRS nella programmazione della seconda rete.

Si stabilisce che le seconde reti radiofoniche debbano soddisfare «alte esigenze» quanto a musica, intrattenimento e informazione.

Le presentatrici della primissima trasmissione a colori, 1968.

Nel 1968 in pieno periodo di contestazione, si registra un netto incremento degli abbonati alla televisione. In dicembre si raggiunge la soglia del milione (la radio è a quota 1,8 milioni).

La SSR adotta ufficialmente la televisione a colori e inizia a studiare sistematicamente le esigenze dei radioascoltatori e dei telespettatori (ricerca sul pubblico).

Primi passi sulla Luna, Bruno Stanek e un modellino della navetta Apollo, 1969.

Nel 1969 nelle prime ore del mattino del 21 luglio, in Svizzera un milione di persone seguono in diretta tv i primi passi dell'uomo sulla Luna.

Lo studio più grande di Leutschenbach.

Negli anni '70 si inaugurano gli studi televisivi di Zurigo, Ginevra e Comano.

blank 20

Nel 1971 dopo oltre quarant'anni, termina l'era del notiziario radiofonico curato dall'ATS. D'ora in poi i notiziari saranno di esclusiva responsabilità delle unità aziendali SSR, ad eccezione della Radio svizzera di lingua italiana dove continuerà fino al 1975 compreso.

Stelio Molo, direttore generale SRG SSR fino al 1981. Foto: L. Holländer

Nel1972 Stelio Molo diventa direttore generale della SSR. A partire da quest'anno aumenta gradualmente la presenza delle trasmissioni in romancio nella programmazione della Schweizer Fernsehen DRS.

blank 20

Nel 1975 viene creato il dipartimento della Televisiun Rumantscha.

blank 20

Nel 1978 a 25 anni dal primo programma tv del 20 luglio 1953, il numero di abbonati del piccolo schermo sale a 1,9 milioni. A partire da quest'anno parte la progressiva introduzione della stereofonia nei programmi radio.

Leo Schürmann, direttore generale SRG SSR fino al 1987.

Nel 1981 Leo Schürmann diventa direttore generale della SSR. Gli abbonati della radio sono 2,3 milioni, quelli della televisione 2 milioni.

blank 20

Nel 1983 il Consiglio federale liberalizza la legislazione sui media e autorizza le radio locali private e commerciali. La SSR introduce la terza rete, rivolta a un pubblico giovanile (DRS 3 nella Svizzera tedesca, Couleur 3 nella Svizzera romanda, Rete 3 nella Svizzera italiana).

Sperimentazioni con il teletext, 1981.

Nel 1984 il Teletext va in onda sulla Schweizer Fernsehen DRS, nel 1985 sulla Télévision Suisse Romande e nel 1986 anche sulla Televisione svizzera di lingua italiana. SSR, ZDF e ORF avviano una programmazione congiunta sulla rete tv via satellite 3sat.

Passaggio del testimone tra i direttori generali Schürmann e Riva.

Nel 1987 Antonio Riva diventa direttore generale della SSR.

blank 20

Nel 1990 a Ginevra, nasce il Wold Wide Web (www). Nel 1993 arriva la versione di Internet come la conosciamo oggi. A metà degli anni '60 aveva mosso i primi passi come mezzo di comunicazione dell'esercito americano.

blank 20

Nel 1991 la SSR si sottopone a una profonda riforma strutturale. L'azienda si organizza come un'unione privata di associazioni ispirandosi al modello di holding retta dal diritto delle società anonime. L'entrata in vigore del nuovo Statuto (1992) segna la fine della riforma.

blank 20

Nel 1992 sull'onda della riorganizzazione della SSR, Radio Rumantsch diventa un'unità aziendale autonoma.

La nuova legge sulla radiotelevisione (LRTV) entra in vigore. La legge e la concessione sanciscono il «mandato culturale» della SSR.

Schweiz – Suisse – Svizzera – Svizra 4.

Nel 1993 la SSR lancia S Plus, il quarto canale tv che nel 1995 diventa rete nazionale con il nome di Schweiz-Suisse-Svizzera-Svizra 4.

blank 20

Nel 1994 Radio Suisse Romande lancia la rete Option Musique, «La chaîne de la chanson».

blank 20

Nel 1995 la Televisiun Rumantscha si stacca dalla Schweizer Fernsehen DRS per diventare un'unità aziendale indipendente che da quel momento comprende anche la radio: Radio e Televisiun Rumantscha.

Armin Walpen, direttore generale SRG SSR idée suisse.

Nel 1996 Armin Walpen diventa direttore generale della SSR. La Schweizer Radio DRS lancia la rete Musigwälle 531, offerta complementare alla DRS 1 incentrata sulla musica popolare e d'intrattenimento.

blank 20

Nel 1997 la quarta rete tv viene regionalizzata: nasce il secondo canale (SF 2, TSR 2 e TSI 2). La Filodiffusione interrompe le trasmissioni ed è sostituita da un programma via satellite.

Virus – la radio dei giovani.

Nel 1999 la SSR si dota di un nuovo marchio aziendale: SRG SSR idée suisse. «Idée suisse» non è più sinonimo di programmi interregionali bensì assurge a marchio di qualità del servizio pubblico della SRG SSR.

La SRG SSR inizia la digitalizzazione della radio (Digital Audio Broadcasting, DAB). La fase di allestimento riguarda innanzitutto la Svizzera tedesca e francese mentre la copertura a livello nazionale è prevista per il 2009.

Nel bacino d'utenza di Zurigo parte a titolo sperimentale il canale d'informazione continua SF info, gestito dalla SF DRS in collaborazione con Presse TV.

Radio Svizzera Internazionale istituisce Swissinfo.org, un sito Internet per accedere alle reti SRG SSR e a informazioni sulla Svizzera.

Virus, la prima radio svizzera per i giovani, interamente digitale, fa il suo debutto ufficiale.

blank 20

A fine 2000 gli abbonati radio e gli abbonati tv sono in parità: 2,7 milioni.

Il palazzo di Swissinfo/SRI a Berna. Foto: Sabine Papilloud

Nel 2001 grazie a una modifica alla concessione viene autorizzata la diffusione di SFinfo sul territorio nazionale.

Radio Svizzera Internazionale (SRI), trasformatasi in azienda multimediale, accresce sempre più il suo portale www.swissinfo.org. Inizia lo smantellamento dei programmi su onde corte. SRI si presenta con il nome del suo prodotto: Swissinfo.

Il monolite dell'Expo.02 e il battello idée suisse.

Nel 2002 la SRG SSR idée suisse si impegna nel progetto Expo.02. L'Esposizione nazionale diventa un tema d'attualità per le sue sette reti televisive, in 14 delle sue 18 emittenti radiofoniche e sui rispettivi siti Internet.

blank 20

Nel 2003 la SRG SSR idée suisse avvia il processo di digitalizzazione terrestre della televisione (Digital Video Broadcasting, DVB-T). I primi a disporne sono l’Engadina e il Ticino; la copertura integrale del Paese è prevista per il 2008.

blank 20

Nel 2004 Swissinfo/Radio Svizzera Internazionale (SRI) sospende la diffusione dei propri programmi radio su onde corte e satellite. Le informazioni sulla Svizzera sono ora disponibili solo sul portale www.swissinfo.org.

chron musikwelle
chron SF 2005

Nel 2005 «Musigwälle 531», la rete radiofonica di Schweizer Radio DRS che diffonde musica tradizionale di tutti i generi, viene ribattezzata «DRS Musigwälle» e completata dalle più importanti rubriche d’informazione di DRS 1.

Schweizer Fernsehen DRS viene ribattezzata Schweizer Fernsehen (SF).

Nel 2006 la SRG SSR festeggia i suoi 75 anni (24 febbraio).

blank 20

Nel 2007 entrano in vigore (1° aprile) la nuova Legge sulla radiotelevisione (LRTV) e la nuova Ordinanza (ORTV). I maggiori cambiamenti riguardano la distribuzione dei proventi del canone (l’1% va alle radio e televisioni private), la necessità di ampliare le trasmissioni con servizi per portatori di handicap (sottotitolaggio, lingua dei segni e audiodescription) e i divieti su pubblicità e sponsoring.

In novembre iniziano i programmi di «DRS 4 News» e di «World Radio Switzerland (WRS)». Il 3 dicembre viene inaugurata «HD suisse», una delle prime reti TV di servizio pubblico ad alta definizione in Europa.

Il trasmettitore a onde medie di Beromünster viene disattivato.

2008 Concluso con successo il passaggio dall’analogico al digitale. Dal mese di febbraio, gli spettatori ricevono le reti tv della SRG SSR via etere esclusivamente in formato digitale.

La SRG SSR, titolare ufficiale dei diritti di trasmissione dell’UEFA EURO 2008TM, assicura la cronaca in diretta di tutte le 31 partite di questo importante avvenimento calcistico, il più grande mai organizzato in Svizzera.

Esattamente 77 anni dopo l’inaugurazione ufficiale, il trasmettitore a onde medie di Beromünster viene disattivato.

 

2009 L’Assemblea dei delegati della SRG SSR idée suisse approva la revisione dello Statuto societario. A partire dal 2010, la SRG SSR sarà sottoposta alla direzione strategica unica del Consiglio d’amministrazione SRG SSR e alla totale gestione operativa del Direttore generale.

Il trasmettitore nazionale di Sottens

2010 Lancio della nuova unità aziendale Radio Télévision Suisse (RTS), nata dalla fusione della Radio Suisse Romande (RSR) e della Télévision Suisse Romande (TSR).

Si spegna per sempre il trasmettitore nazionale di Sottens. Per l’occasione, migliaia di visitatori nostalgici si recano sul posto per rendere l’ultimo omaggio al simbolo della radio nella Svizzera romanda.

Roger de Weck, Generaldirektor SRG

2011 Roger de Weck diventa direttore generale della SSR. Dalla fusione tra Schweizer Radio DRS (SR DRS) e Schweizer Fernsehen (SF) nasce Schweizer Radio und Fernsehen (SRF), la nuova unità aziendale della Svizzera tedesca.

visuel-rts

Il 31 gennaio 2012 a mezzanotte HD Suisse è disattivata.
La SSR trasmette regolarmente le sei reti televisive via satellite e in alta definizione. Con il passaggio all’alta definizione (HD), l’identità visiva delle reti romande si riorganizza attorno al marchio RTS.

In luglio è venduto il milionesimo apparecchio DAB+, portando il numero di ascoltatori a 2,4 milioni. Nel frattempo, in quasi un terzo delle case svizzere si ascolta ormai la radio digitale.

Il Consiglio federale mantiene il divieto imposto alla SSR di fare pubblicità su internet. Per contro, la SSR beneficia di un più ampio margine di manovra per quanto concerne i contenuti dell’offerta online.

2013, RTS e SRF lanciano la nuova offerta di televisione interattiva («RTS+», «SRF+»). Si tratta di una prima assoluta in Svizzera.
World Radio Switzerland (WRS) passa a mezzanotte in mani private. L'acquirente è la società Anglo Media SA.

RSIRTRRTSSRFSWI